Pages Navigation Menu

Incontro a Sorrento del 25 Luglio

In piedi da sx: Perriccioli Filippo 61/64, Di Pietto Beniamino 49/52, Cuccaro Vincenzo 68/72, Ciricillo Bruno 61/65, De Maria Eugenio 66/69, Carriola Aldo 66/70, Sorrentino Francesco Saverio 62/65, Nicodemo Pietro 67/70, Fontanella Solimena Alberto 66/69 e Izzo Pippi 67/70. Seduti da sx: Bonito Ciccio 52/56 e Borriello Giuseppe 71/75.

Ci eravamo dati appuntamento alla fine della cena da Ciccio Bonito ad inizio mese e, puntuali come un orologio svizzero, ci siamo ritrovati il 25 corrente mese a Piano di Sorrento, ospiti in una fresca serata, di Bruno Ciricillo 61/65 nella sua splendida villa sita in mezza collina, appena fuori del centro storico.

Bruno e la Signora Bruna ci attendevano da perfetti anfitrioni mentre arrivavamo alla spicciolata, causa anche la delocalizzazione errata di molti navigatori.

E così ci siamo ritrovati: Sorrentino Francesco Saverio 62/65 e Signora Giovanna, Bonito Ciccio 52/56 e Signora Clarice, Borriello Giuseppe 71/75 e Signora Imma, Perriccioli Filippo 61/64 e Signora Fulvia, De Maria Eugenio 66/69 e Signora Grazia, Carriola Aldo 66/70 e Signora Chiara,  Solimena Fontanella Alberto 66/69 e Signora Antonella, Cuccaro Vincenzo 68/72 e Signora Lidia, Izzo Pippi 67/70 e Signora Flora, Di Pietto Beniamino 49/52, Nicodemo Pietro 67/70, ricordando come sempre in analoghe occasioni, i momenti belli e brutti trascorsi anche se in epoche diverse, tra le stesse mura del Rosso Maniero.

Bruno, Bruna e la gentile e bella figlia Laura, ci hanno deliziato prima con antipastini di bruschette, formaggi sardi e pizzette fritte con ricotta di una squisitezza prelibata.

Poi, una volta seduti, ci hanno allietato con due primi, una crostata di tagliolini un riso agli ortaggi direttamente coltivati da Bruno nel suo piccolo orticello; così come le melenzane all’agrodolce e le zucchine alla scapece che facevano da contorni al porceddu sardo pietanza clou della serata portato direttamente dalla Sardegna dai padroni di casa in occasione del loro recente viaggio.

Anche il vino rosso che abbiamo gustato insieme alle suddette pietanze era di provenienza sarda e si accompagnava divinamente con esse.

Frutta e dolci tra cui la crostata di frutti di boschi e crema della Signora Clarice, una vera e propria leccornia, e il babà avellinese di Borriello, hanno chiuso con mirto e caffè la serata. La Sezione Campania e Basilicata con il Presidente Aldo Carriola ha voluto ricordare l’evento e ringraziare gli artefici dello stesso consegnando un fermacravatte con il pollo a Bruno e il foulard della Scuola a Bruna.

Che aggiungere più? Il rammarico per gli assenti che non hanno potuto condividere con noi la gioia di questa magnifica serata tra amici di vecchia data senza doppi fini o interessi particolari ma legati tutti dalla stessa fede: la Nunziatella, in antitesi ai terremoti di queste ultime ore di particolare attenzione elettorale.

Nel complimentarci con Bruno e Bruna per l’ottima riuscita dell’incontro, li ringraziamo ancora una volta per la loro disponibilità nei nostri confronti, in attesa del prossimo conviviale che ci auguriamo di non lontana realizzazione.

Aldo Carriola 66/70